editoriale

Cogito ergo sum ergo WordPress

caro guidatore al telefonino

E’ una sottospecie ( molto molto sotto e poco specie ) di guidatore. E’ solito conversare al telefonino mentre è alla guida, si gongola nel disprezzo che mostra verso la propria vita ( e sinceramente non me ne frega più di tanto ) e quella altrui ( questo mi interessa un po’ di più se in quell’ “altrui” ci sono coinvolto ) . Immagino l’importanza e la necessità di quella chiamata, probabilmente il suo parere è importantissimo per qualche affare multimiliardario, forse deve approvare una nuova strategia di marketing, forse deve salvare il mondo da una catastrofe nucleare o da un’invasione aliena o chissà quale altro motivo di vitale importanza ha richiesto il suo intervento, chissà quale dubbio lo attanaglia o forse deve solo dire alla mamma che arriverà con 5 minuti di ritardo e quindi di non far scuocere la pasta . Personalmente ( anche se, confesso,  non ho condotto degli studi in merito ) son convinto che il 99.8% delle telefonate abbia valenza veramente nulla e comunque non abbia un importanza tale da giustificare questo insulso comportamento capace solo di mettere in pericolo chi è in prossimità dell’individuo descritto. Se è così importante, accosti e appena puoi  rispondi oppure richiami…….. inoltre, hai mai sentito parlare di bluetooth o di cuffiette ????

Se fossi un vigile finirei il blocchetto delle multe in mezza giornata ; la gente che usa il telefonino guidando è veramente tanta…… a questo punto penso che dovrebbe diventare una prova integrante dell’esame di guida . Dovrei suggerirlo alla motorizzazione, test, esame di pratica, esame di guida pratica con telefonino e già che ci siamo esame di guida pratica sotto effetto di alcool o stupefacenti, scelga l’esaminando in cosa specializzarsi  ……

Ne ho viste e continuo a vederne di ogni genere, camionisti, autisti di autobus, vigili e forze dell’ordine ma il massimo permettetemelo, sono quelli che mandano SMS guidando il motorino …..roba da circo Togni….. . Lo stereotipo rimane comunque il guidatore/telefonista che se ne frega di tutto e di tutti, mette in seconda e procede ( con tutte le conseguenze del caso, vedi coda, traffico, etc etc ) a 20 km/h per tutta la durata della conversazione. Se ne frega dei tuoi flash ( prima ) e del clacson ( poi ) . La strada è sua. Lui ( o lei ) deve telefonare, nulla è più importante.

Caro stereotipo, ti comunico che ho trovato anche la soluzione per te ed invito anche chi legge a valutarla e se è il caso adottarla. Se sono io quello dietro di te, non solo ti sorpasso là dove le condizioni, il codice della strada ed il buon senso me lo permettono, ma mi piazzo davanti a te a 10 km/h. Io accumulerò un mucchio di ritardo ma forse tu, quando avrai finito di telefonare e sarai già nella fase di quello che mi insulta, dopo ti farai un esame di coscienza oppure ti sveglierai e scoprirai che al mondo non sei così solo come pensavi e non sei proprio il re che credevi.

Non parliamo poi del tuo calo d’attenzione in prossimità di attraversamenti pedonali, sei come una roulette russa, peccato che il pedone non abbia scelto di giocarci.

Questa fotografia di vissuto stradale quotidiano è scritta al fine di sensibilizzare il corretto uso del telefonino alla guida o meglio il corretto non uso se non con gli amenicoli necessari. La vita vale molto di più di una telefonata e correre ai ripari dopo su una tragedia che si poteva evitare prima per una disattenzione è molto molto triste, anche perché in linea di massima chi ci rimette è sempre qualcun’altro.

Non negarlo, usare il telefonino alla guida distrae . Se ti riconosci in questo personaggio poc’anzi descritto fermati 5 minuti a pensare a quello che stai facendo. Mi permetto un commento : non è da fighi guidare telefonando !!

ciao

Info & Utils

Published in lunedì, Giugno 6th, 2011, at 18:16, and filed under La mia opinione, Welcome to the jungle.

Tags: , ,

Do it youself: Digg it!Save on del.icio.usMake a trackback.

Previous text: .

Next text: .

Leave a Reply

editoriale © 2011. Theme Squared created by Rodrigo Ghedin.