editoriale

Cogito ergo sum ergo WordPress

passeggiata sul Magra

Oggi mi son regalato una passeggiata sul Magra. Aggregatomi all’escursione organizzata dalla CEA e dall’Ente Parco di MonteMarcello Magra, ci siam ritrovati alle 9:30 al parcheggio di località Bradiola. Il programma era : partenza da Bradiola appunto, per arrivare fino al Lago Pallodola, passando per Battifollo. Effettuati i convenevoli saluti e le dovute presentazioni procediamo per la nostra prima meta. Una zona al riparo dal sole proprio sulla sponda del fiume. Qui, il signor A. Poletti, rappresentante di Legambiente, ci ha spiegato come l’intervento dell’uomo nello sfruttare il fiume Magra abbia danneggiato il fiume stesso e tutto quello a esso legato. Le escavazioni degli anni 70/80 ( abbassando appunto il fondale ) e l’intervento umano nel modificare il corso del canale han fatto sì che il cuneo salino ad oggi, arrivi fino a 6 km dalla foce del fiume e a 7,5 nelle falde acquifere ( all’altezza di Fornola ) con il conseguente effetto di non poter più utilizzare quest’acqua per innaffiare o per uso domestico come si era soliti fare fino agli anni 70. Questo fenomeno è ancor più accentuato dalla modfica degli argini e dall’abbassamento del livello del fiume, con conseguenze dirette anche durante le esondazioni. Una testimonianza del fenomeno è l’arenarsi lungo il corso del fiume di arbusti provenienti da monte o notare che fino alla briglia di Arcola, il fiume risenta dell’ innalzarsi e abbassarsi della marea. Da oltre un ventennio, dopo moltissime lotte, si sta cercando di preservare quest’angolo di natura caratteristico se non unico per alcune specie animali ivi presenti e per gli spot suggestivi che offre, con notevoli risultati. La strada è ancora lunga e il lavoro da fare è molto ma si è respirata un’aria di ottimismo e spero che questo infonda maggior forza e coraggio a tutti gli operatori impegnati in questa impresa.

Picccola nota dolente : non voglio affrontare adesso l’argomento ma è necessario fare un appunto sulle discariche abusive ed improvvissate commesse da qualche bastardo le cui azioni spero siano frutto dell’inconsapevolezza .

Visualizzazione ingrandita della mappa

Ecco alcuni dei miei scatti :

Info & Utils

Published in domenica, Luglio 10th, 2011, at 19:12, and filed under Trekking.

Tags: , ,

Do it youself: Digg it!Save on del.icio.usMake a trackback.

Previous text: .

Next text: .

One Response

  1. Mesch Says:

    passeggiare.. passeggiare.. la natura che ci accoglie a braccia aperte, frutti sugli alberi e silenzio. silenzio rotto dal canto degli uccellini e dalle cicale. La gente muore. Gli animali vengono sacrificati per i nostri pranzi. Ogni giorno ci tocca combattere una guerra che non vogliamo. eppure, immobili, passivi guardiamo i giorni scorrere. La gioia, la commozione nell’ammirar il mare, il verde, la libertà. Volo senza peso e senza piume nella tristezza di un mondo non mio.

Leave a Reply

editoriale © 2011. Theme Squared created by Rodrigo Ghedin.